LA TRADIZIONE ACCADEMICA E IL MITO DEL MEDIOEVO

POLLAI 1

il Maestro Ezio Pollai

Dal secondo dopoguerra sono pochi gli artisti che si sono alternati nella pittura dei drappelloni. Oltre a Bruno Marzi che, ne dipinse diciotto e tutti e tre quelli del 1950, fu Vasco Valacchi, erede della più schietta tradizione senese, che fu chiamato undici volte dal Comune ad esprimersi con le sue composizioni rassicuranti e tradizionali ispirate ai modelli rinascimentali oltre a Dino Rofi (8) e Ezio Pollai (7 di cui 2 con Plinio Tammaro).
Si dovrà aspettare il 16 agosto del 1963 per vedere scendere sul campo un’opera completamente rivoluzionaria. Due giovani artisti, docenti dell’Istituto d’arte di Siena, Ezio Pollai e Plinio Tammaro, concepirono un’opera polimaterica, ispirata dalla Pop Art, introducendo, tra la seta e la tempera, anche la sabbia e il rame sbalzato e usando il fondo come una quinta teatrale completamente dipinta. La strada era oramai aperta. Per il palio straordinario del 21 settembre 1969 dedicato “alla conquista dello spazio” fu dato l’incarico a Mario Bucci detto Marte, un pittore emergente attivo fra Siena e Lugano che concepì l’opera usando tecniche diverse dalla serigrafia alla fotografia realizzando uno dei drappelloni destinati ad entrare nella storia artistica del genere.

attiafav

tondocittamestieri

Consorzio per la Tutela del Palio di Siena

INTESTA

Via di Città, 36 -  Siena - Italy
Tel. +39 0577 43875 - info@ctps.it

Cookie Policy Privacy Policy

CREDITS